5 settembre - Luk Eri II

Vai ai contenuti

Menu principale:

5 settembre

EVENTI > Programma Stagioni passate > Stagione 2014-2015

Venerdì 5 settembre, ore 18:00 - film "L'altra voce della musica"
a seguire cena "quasi brasiliana" nei giardini del Vescovado

L’Associazione culturale Luk Eri di Sutri, locuzione che, nella lingua delle antiche popolazioni del luogo significa, secondo alcuni studiosi, Bosco Sacro, ha inaugurato il 5 settembre la nuova stagione di attività che prevede un intenso programma di iniziative, naturalmente culturali.

Per l’inaugurazione del 5, il Coro del Duomo, diretto da Giovanni Segarelli, ha cantato nella grande Chiesa, alcuni brani di musica sacra.

Il Duomo conserva pregevoli opere d’arte, il pavimento della navata centrale, splendidamente conservato, è di manifattura cosmatesca, mentre, nella cripta, il busto in bronzo di Papa Clemente II, Vescovo di Bamberg, ricorda a tutti i visitatori l’importanza del Concilio che si tenne a Sutri nel 1046, alla presenza dell’Imperatore Enrico III e della bolla che diede origine, in quel tempo, al potere temporale della Chiesa con la donazione di alcuni territori, primo nucleo di quello che poi diventò lo Stato Pontificio.
In questa raffinata cornice, l’Ave Maria di Arcadelt eseguita dal Coro, è risuonata in tutta la sua bellezza.

Per i soci di Luk Eri il programma è proseguito con la proiezione del film “L’Altra voce della Musica", la musica che può salvare la vita togliendo i ragazzi dalla strada, cui ha assistito l’Assessore alla cultura del Comune di Sutri, Ercole Fabrizi. Il film documenta i viaggi che il Maestro Claudio Abbado ha compiuto nel 2005 e 2006 in Venezuela e a Cuba. In questi due anni il Maestro Abbado ha trascorso molti mesi in Venezuela dove, grazie al Sistema Orchestrale ideato 30 anni fa dal Maestro Josè Antonio Abreu, circa 300.000 giovani fanno oggi parte di oltre 100 orchestre giovanili e di 90 orchestre infantili.

A conclusione della serata, il gruppo dei soci Luk Eri ha infine partecipato ad una cena “quasi brasiliana” nei giardini del Vescovado, sotto la luna “quasi” piena, con un menu interessante per l’ardita combinazione di piatti tradizionali dell’Etruria meridionale e di bevande tipiche brasiliane.

Torna ai contenuti | Torna al menu